Home   |   Informazioni Subutex    |   Dipendenza Subutex    |   Disintossicazione Subutex    |   Struttura   |   Gallery   |   Testimonianze   |   Contatti 
     
 
 

Novità!
Non hai tempo ora
di leggere il sito?

 

Preferisci Scrivere
invece di Chiamare ?

 
Lascia ora la tua email:
Ti contattiamo noi
in forma assolutamente privata
e Anonima!
 
Tuo Nome (*):
E-mail (*):
Telefono *:
 
Il problema riguarda:
Me stesso Un familiare Un amico
 
Se Vuoi, lascia qui un messaggio
 

*
 
 

Garanzia di serietà = la tua Email è sicura: da me NON riceverai mai spam
Nota: I campi con * sono obbligatori
 
Aspetti Biochimici della Tossicodipendenza
 
 

Aspetti Biochimici della Tossicodipendenza

 
     

Aspetti Biochimici della TossicodipendenzaQuando una persona usa una sostanza come il Subutex, la capacità di questa di produrre i suoi effetti dipende da come e quanto essa viene assorbita dall’organismo.
Non appena la droga o il Subutex raggiungono il flusso sanguigno, vengono distribuiti in tutto il corpo e comunque devono superare varie barriere (le pareti cellulari, le pareti dei vasi capillari del sistema circolatorio e la barriera emato-encefalica) prima di raggiungere il luogo preposto alla loro azione.

Della quantità totale immessa nell’organismo, solo una piccola parte riuscirà a raggiungere le cellule specifiche che produrranno l’effetto stupefacente. Ma la gran parte della sostanza assunta si troverà in parti del corpo ben lontane da quelle aree in cui la droga eserciterà la sua azione e resteranno in circolo, producendo il loro effetto prolungato nel tempo.

Per guadagnarsi l’accesso ad una cellula, una droga dev’essere capace di penetrare le membrane cellulari. Queste membrane possono essere paragonate ad un panino, costituito da due strati di proteine con in mezzo molecole di grassi. Quindi una sostanza per poter attraversare la membrana cellulare dev’essere liposolubile, ossia solubile nei grassi. Questa è la barriera più difficile da attraversare, in quanto la maggior parte delle droghe sono idrosolubili, ossia solubili in acqua, e sono composte da molecole troppo grandi per attraversare i piccoli pori della barriera molecolare.

Per quanto riguarda le pareti dei capillari, una droga che entra nel flusso sanguigno entro un minuti circa viene distribuita abbastanza uniformemente in tutto il sistema circolatorio con uno scambio molto rapido avanti e indietro attraverso il flusso sanguigno. Le membrane dei capillari hanno pori abbastanza grandi per essere attraversati dalla maggior parte delle droghe.

All'origine del problema tossicodipendenza vi è il fatto che il corpo umano non riesce ad eliminare completamente i residui di droga nelle persone che fanno uso di tali sostanze per lunghi periodi di tempo.
In ogni caso, anche quando una persona ne ha sospeso l’assunzione, minuscole quantità di metaboliti restano intrappolati nei tessuti grassi del corpo anche per anni. Perciò quando il tossicodipendente cerca di smettere con la droga, questi depositi tossici possono entrare nuovamente in circolazione nel sangue ed originare un bisogno di droga a cui è quasi impossibile resistere.
Infatti, i recettori delle cellule cerebrali, abituati a trattarne grandi quantità, devono accontentarsi delle quantità minime fornite dai metaboliti di quelle sostanze. Per questo dal cervello proviene la richiesta di maggiori quantità di droga.

E' questa la base della tossicodipendenza: per smettere di soffrire e soddisfare le richieste che provengono dal cervello, l'individuo ricomincia ad usare droghe. Nella Comunità di recupero tossicodipendenti Narconon Gabbiamo sappiamo bene che questa situazione si ripresenta al tossicodipendente ogni volta che tenta di smettere l'uso di droghe.

 

Gli Effetti del Programma Narconon sulla Tossicodipendenza

Aspetti Biochimici della TossicodipendenzaE' ormai noto che le droghe non vengono espulse dal corpo in un periodo di pochi giorni dalla loro ultima assunzione.
Le droghe possono restare immagazzinate nei tessuti grassi anche per anni.
Il grafico qui a lato mostra il tempo impiegato dai metaboliti del Subutex per essere espulsi dal corpo di un tossicodipendente.
Non appena inizia il procedimento della disintossicazione, il livello dei metaboliti nel sudore e nelle urine sale verticalmente e quindi, gradualmente, scende a zero nelle settimane seguenti.

 

Il programma Narconon di disintossicazione utilizza un insieme di integratori alimentari, sudorazione indotta ed esercizio fisico per riportare i tossicodipendenti verso una nuova vita. Tali attività producono i seguenti risultati:

  1. Riduzione o eliminazione del desiderio ossessivo di droga o alcol;
  2. Capacità di pensare con maggior chiarezza;
  3. Riduzione o eliminazione di molti sintomi associati alla dipendenza tra cui insonnia, depressione ed instabilità emotiva.

Vincere la Tossicodipendenza si Può.
Il Programma Narconon Funziona!

 

         


Struttura del Centro

Vai alla Struttura

Gallery Fotografica

Vai alla Gallery

Video & Foto 3D

Vai al Video & Foto 3D